Ultima modifica: 18 Giugno 2018
I.S.I.S. "Vincenzo Manzini" > I nostri video > Hersbruck 2018: allargare i propri confini grazie alla scuola

Hersbruck 2018: allargare i propri confini grazie alla scuola

Cronaca, foto e video dello scambio con Hersbruck, svoltosi dal 19 al 25 aprile e accompagnato dalle prof. Claudia Candusso e Anna Boreatti. Continua la lettura Hersbruck 2018: allargare i propri confini grazie alla scuola

hersbr

Il tradizionale scambio con la città bavarese di Hersbruck per gli studenti a indirizzo linguistico (e non solo…) del nostro istituto, è stato anche quest’anno un successo: incontrare ragazzi e ragazze simili a noi in fatto di età e interessi, ma con una cultura e uno stile di vita diversi dai nostri, ci ha insegnato valori molto forti, cose che a scuola non si possono direttamente toccare con mano.

La settimana è stata di fatto molto intensa: lunghe ma piacevolmente sorprendenti le camminate alla scoperta di posti e scenari nuovi, tra cui l’antica e accogliente città di Hersbruck, Norimberga con l’enorme Duomo e la casa del famoso pittore Albrecht Dürer, Ratisbona con il suo centro storico mozzafiato, e infine Monaco con il meraviglioso museo scientifico e tantissime altre attrazioni turistiche con le loro interessanti storie, raccontate dai ragazzi dell’istituto gemellato con il nostro.

herb

 

Molte sono le differenze tra il loro stile di vita e il nostro: i tetti delle case, ad esempio, sono costruiti in maniera tale da impedire l’accumularsi della neve sulle abitazioni, la prima colazione è ricca e spesso salata, la bicicletta è più usata rispetto alla macchina in centro città e c’è un’attenzione generalmente maggiore nei confronti dell’ambiente, ma nonostante queste trascurabili ma interessanti divergenze, ogni famiglia si è impegnata a farci sentire a nostro agio. Molti di noi per questo motivo avrebbero preferito rimanere lì ancora un po’, per scoprire e assaporare di più quello che la Germania ha da offrire. Molti legami, già imbastiti a settembre durante la visita dei ragazzi tedeschi in Italia, si sono stretti ulteriormente, come stoffe molto diverse tra loro che però assieme creano un meraviglioso patchwork di emozioni, parole ed esperienze. Altrettanti sono stati i momenti di svago, come la cena a Michelsberg, dove ci siamo scatenati con un servizio fotografico accattivante e saziati con un ricco buffet, la serata in riva al lago con la musica e il tramonto mozzafiato, e infine l’ultima cena al ristorante con un sottile clima di malinconia.

hersbr

Non esiste modo migliore di imparare cose nuove se non provando a vivere una vita diversa in un posto diverso, con persone e sfumature nuove, e come può accadere tutto ciò se non si viaggia almeno un po’?

È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria.’

(Voltaire)